Antarctica (Koreyoshi Kurahara, 1983) – film completo in italiano – video

0

Antarctica ( 南極 物語Nankyoku Monogatari , letteralmente “South Pole Story“) è un film giapponese del 1983 diretto da Koreyoshi Kurahara e interpretato da Ken Takakura . La trama è incentrata sullaspedizione scientifica giapponese sfortunata del 1958al Polo Sud, il suo drammatico salvataggio dalle condizioni meteorologiche impossibili durante il viaggio di ritorno, il rapporto tra gli scienziati ei loro leali e laboriosi Husky Sakhalin , in particolare i cani guida Taro e Jiro, e il destino dei 15 cani lasciati a badare a se stessi.

Il film è stato selezionato come la voce giapponese per il miglior film straniero alla 56a edizione degli Academy Awards , ma non è stato accettato come candidato. [3] Entrò nel 34 ° Festival Internazionale del Cinema di Berlino , e ai Japan Academy Awards fu nominato per il miglior film, la cinematografia, l’illuminazione e la musica, vincendo il premio della popolarità per i due cani Taro e Jiro come interprete più popolare, così come la scelta della cinematografia e del lettore ai Mainichi Film Awards . E ‘stato un grande successo cinematografico, e ha tenuto record di botteghino del Giappone per i suoi film fatti in casa fino a quando fu superato da Hayao Miyazaki s’ Principessa Mononoke nel 1997. La partitura elettronica originale è stata creata dal compositore greco Vangelis , che aveva recentemente scritto musica per Chariots of Fire e Blade Runner. La colonna sonora è disponibile in tutto il mondo su CD-Audio come l’ Antartide.

Trama (attenzione, spoiler! Procedete più sotto per vedere il film senza scoprire la trama in anticipo):

Nel febbraio del 1958, la seconda spedizione Cross-Winter per la squadra di rilievo antartico giapponese cavalca sul rompighiaccio Sōya per prendere il comando della spedizione di 11 uomini della prima spedizione di Cross-Winter. A causa delle condizioni meteorologiche estreme in Antartide, Sōya non può avvicinarsi abbastanza alla Base Showa e decide di non procedere con il soggiorno. La prima spedizione di Cross-Winter si ritira in elicottero, ma devono lasciare 15 husky Sakhalin alla base Showa senza equipaggio. I cani sono lasciati incatenati alla base, poiché la squadra crede che presto torneranno, ma gli uomini non sono in grado a causa della mancanza di carburante. La squadra è preoccupata per i cani, dato che il clima è estremamente freddo e solo una settimana di cibo è disponibile. Nel frattempo, otto dei quindici cani da slitta riescono a liberarsi dalle loro catene (Riki, Anko, Shiro, Jakku, Deri, Kuma, Taro e Jiro), ma gli altri sette non sono così fortunati. Mentre attraversano il deserto ghiacciato dell’Antartide, i cani sono costretti a sopravvivere con le loro stesse feci, a caccia di pinguini e foche sugli scaffali di ghiaccio e persino a mangiare gli escrementi di foche per il cibo. Con il passare dei mesi, molti dei cani muoiono o scompaiono nel ghiacciaio. Riki viene fatalmente ferito da una balena assassinamentre cerca di proteggere Taro e Jiro. Anko e Deri cadono attraverso il ghiaccio e affogano nelle acque gelide. Shiro cade da una scogliera fino alla sua morte, e Jakku e Kuma scompaiono nel deserto.

Undici mesi dopo, il 14 gennaio 1959, Kitagawa, uno dei conduttori di cani della prima spedizione, ritorna con la terza spedizione Cross-Winter, volendo seppellire i suoi amati cani. Lui, insieme ai due dog-conduttori Ushioda e Ochi, recupera i cadaveri congelati di sette cani, ma sono ancora più sorpresi quando scoprono che otto dei loro cani si sono scatenati. Con sorpresa di tutti, vengono accolti calorosamente alla base da due cani, Taro e Jiro, fratelli nati in Antartide. Non si sa ancora come e perché i fratelli siano sopravvissuti, perché un husky medio può vivere in tali condizioni solo per circa un mese. Nel film, il regista ha utilizzato i dati disponibili, insieme alla sua immaginazione, per ricostruire il modo in cui i cani hanno lottato con gli elementi e sono sopravvissuti.

Cast:

Il film ha richiesto più di tre anni. È stato girato alla punta settentrionale di Hokkaidō . I cani del film sono stati creati da Kuma, un Sakhalin di Furen e sono nati a Wakkanai, nell’Hokkaidō , alcuni filmati sono stati girati in Antartide nell’estate del 1982 usando squadre di cani di Scott Base (Nuova Zelanda).

Antarctica è stata inserita nel 34 ° Festival Internazionale del Cinema di Berlino . [4] Il film è stato un grande successo in Giappone, diventando il film giapponese numero uno sul mercato interno nel 1983, guadagnando 5,9 miliardi di dollari in entrate da distribuzione. [1] A partire dal 2007 , il film è disponibile su DVD in Giappone (sottotitoli in giapponese) e Hong Kong (sottotitoli in inglese e cinese). La razza di cane divenne anche brevemente popolare. Tuttavia, sono state sollevate preoccupazioni chi? ] che i cani che hanno preso parte alle riprese potrebbero essere stati sottoposti a condizioni estreme per ottenere il grado di realismo coinvolto. American Humane ha smentito il suo disclaimer “No Animals Were Harmed”, classificando il film “inaccettabile” a causa di ciò che considera crudeltà deliberata sul set. [5]Il regista ha risposto che le emozioni mostrate dai cani durante il film sono state accuratamente catturate e poi modificate nelle parti pertinenti. Per ricreare le scene della morte i cani sono stati accuratamente anestetizzati. Le parti in cui i cani sono annegati o caduti sono state eseguite in studio e proiettate in blu con l’effettiva posizione delle riprese. Il sangue sui cani era falso. Non è chiaro se siano state simulate anche le morti degli animali da preda (un uccello marino e un sigillo). Nel 2006, la trama di Antarctica è stata adattata nel film Eight Below, che è dedicato alla memoria del regista koreyoshi kurahara. Nel 2011 un dramma giapponese intitolato Nankyoku Tairiku è incentrato sulla prima spedizione del Giappone in Antartide nel 1958. Porta anche il diniego americano Humane “Nessun animale è stato danneggiato”. La colonna sonora originale in Antartide è stata composta, arrangiata, prodotta ed eseguita dall’artista greco Vangelis. È stato registrato presso i Nemo Studios di Vangelis , a Londra, nel Regno Unito, dal tecnico del suono Raine Shine. L’album fu pubblicato in tutto il mondo (incluso il Giappone) come AntartideIl fratello minore Jiro morì all’età di quattro anni durante la quinta spedizione nel luglio del 1960. Il suo corpo fu trasformato in un esemplare ed è collocato nel Museo Nazionale di Scienze e Natura a Ueno, Tokyo. [6] Il fratello maggiore Taro fu più fortunato: tornò all’Università di Hokkaido per il suo pensionamento e morì all’età di 15 anni nel 1970. Il suo corpo fu anche trasformato in un’esposizione presso l’Università di Hokkaido. Qui sotto, il film (in due parti). Prima parte:

parte 2: