Belfagor ovvero Il fantasma del Louvre (1965) – video del primo episodio

0

Belfagor ovvero Il fantasma del Louvre è una serie televisiva francese, trasmessa su ORTF in 4 puntate dal 6 al 27 marzo 1965, e in Italia dalla RAI in 6 puntate, dal 15 giugno al 21 luglio 1966, prima sul Secondo Canale, poi – gli ultimi due episodi – sul Programma Nazionale: la RAI infatti cambiò «eccezionalmente»[1] non solo il canale di trasmissione ma anche il giorno di programmazione (dal mercoledì delle prime quattro puntate al giovedì per quelle finali). La serie è stata replicata diverse volte: in 4 puntate da 70 minuti e in 19 puntate ognuna da 15 minuti, sempre sulla RAI. L’audience della prima messa in onda nel 1965 in Francia è risultata eccezionale: 10 milioni di telespettatori su 48 milioni di abitanti, il 40% dei quali possedevano un televisore.

La sinossi è articolata su 6 episodi, come nella cartella stampa Rai relativa alla prima messa in onda. Un giorno al grande mercato delle pulci di Parigi alla porte de Clignancourt, lo studente universitario Andrea Bellegarde conosce un anziano antiquario che colleziona ritagli di giornale relativi a fatti inspiegabili segnalati in tutto il mondo. L’uomo sostiene l’esistenza di eventi incomprensibili alla scienza.

Primo episodio (attenzione – spoiler. Se non volete sapere nulla della trama, scorrete sotto per vedere subito il video del primo episodio).
Durante un controllo serale, una figura spettrale appare a Gautrais, uno dei custodi del Museo del Louvre; l’uomo viene accusato di essere un visionario, anche perché in passato aveva avuto problemi di alcolismo. Il mattino successivo però il capo dei custodi Sabourel viene rinvenuto assassinato in un’altra sala. A Parigi si diffonde la voce di un fantasma al Louvre; Andrea Bellegarde decide di nascondersi nel museo in modo da farsi chiudere dentro a fine orario di apertura, perché non crede in un fatto soprannaturale. Ma non è solo: una ragazza da lui conosciuta per caso poco prima si fa chiudere insieme a lui. Nel cuore della notte il fantasma si manifesta, vestito di nero da capo a piedi, con una maschera di cuoio sul volto e preceduto da un misterioso bambino in calzoni corti; Bellegarde sta per avere la peggio, viene atterrato ai piedi della statua di un dio caldeo, Belfagor, ma improvvisamente saltano fuori da ogni angolo poliziotti in borghese. Il fantasma si dilegua inspiegabilmente nelle sale buie. Bellegarde viene soccorso e scopre che la ragazza è Colette, figlia del commissario Ménardier appena intervenuto, che l’ha usato come esca. Andrea e Colette cominciano a frequentarsi, tra i due c’è un’evidente simpatia che forse si trasformerebbe in qualcosa di più se non si mettesse di mezzo un’altra donna: infatti Bellegarde viene fermato per strada da Luciana Borel, una bella donna che con la scusa di un autografo (il giovane è diventato una celebrità per aver visto il fantasma) lo porta a casa propria e tenta di sedurlo. Ricordiamo a tutti che è possibile seguirci anche cliccando “MI PIACE” sulla pagina facebook.com/FilmIndipendenti.  Video: